fotografo; fotografi; fotografo matrimonio; fotografi di matrimonio; fotografo di matrimoni; fotografo di matrimoni a Napoli; fotografo di matrimonio a Napoli; fotografo di eventi; fotografo di eventi a Napoli; fotografo economico; fotografo economico a Napoli; fotografo di cerimonie; fotografo di cerimonie a Napoli; fotografo di reportage; reportage fotografico; reportage fotografico a Napoli; fotografie a Napoli; fotografo professionista; fotografo esperto; fotografo prezzi; fotografo napoli prezzi; fotografo tuttosposi; fotografo senza posa; foto e video di matrimonio; foto e video di matrimonio a Napoli; drone per matrimonio; foto video e drone per matrimonio a Napoli; stampe fine art per matrimonio; album per matrimonio; album per matrimonio a Napoli; fotografo al vomero; fotografo di matrimonio al vomero; fotografo campania; fotografo di matrimonio campania; fotografo di matrimonio a Napoli centro; fotografo di matrimoni Ischia; fotografo di matrimoni costiera sorrentino; fotografo di matrimoni a Capri; miglior fotografo; miglior fotografo a Napoli; fotografo bravo;

Quando ho iniziato ad occuparmi di fotografia di matrimonio a Napoli, le cose erano molto diverse da come sono ora. Innanzitutto si scattava con la pellicola, io personalmente usavo corredi Bronica, Mamiya e Nikon.

Non essendoci ancora il digitale, si effettuavano un numero minore di scatti per ogni matrimonio. Ed anche le tempistiche di ripresa erano diverse, si lavorava un po di più sul “posato”.

Ho scattato foto a migliaia di matrimoni e ciò che è cambiato non è solo nella fotografia di matrimonio a Napoli. Ciò che è cambiato di più, è sopratutto negli altri ambiti..ne porterò qualcuno ad esempio.

Cosa è cambiato

La ristorazione è cambiata: oggi nel 2018, riuscireste ad immaginare un matrimonio dove si mangia il pollo?

Ed invece era di norma quando ero ragazzino e facevo l’apprendista, era uno dei secondi più classici, si chiamava “il tris di carni”, composto da manzo, vitello e…pollo.

Oltre ai menu erano diversi anche i nomi delle strutture, quelle che oggi si chiamano “villa” o “tenuta“, o ancora “complesso”, allora si chiamavano semplicemente”Ristorante”.

Essendo cambiata la moda, sono diversi anche gli abiti da sposa. Per molto tempo si indossavano quelli con il sottogonna rigido (detto parapallo), molto romantici per quei tempi, che facevano sembrare la sposa una ballerina da carillon.

Fotografia di Matrimonio a Napoli: “La tradizione”

In chiesa gli addobbi erano quasi esclusivamente bianchi. E, sopratutto a Napoli, non era ancora vietata l’Ave Maria di Schubert da suonare e cantare durante l’ingesso della sposa. Nei matrimoni popolari spesso l’interprete era il compianto Mario Merola.

Non esisteva la confettata, gli unici confetti erano i canonici cinque a mandorla abbinati alla bomboniera.

Una tappa obbligata per sposi e chi si occupava di fotografia di matrimonio a Napoli, era la data a piazza Municipio, che ricorderanno solo le persone più grandi di età.

Ecco, questa è una cosa importante, la memoria di un evento, di un periodo, di una moda, è affidata ai ricordi di ognuno e…a noi, che ci occupiamo di rendere indelebili i vostri momenti belli.